Lingam

2012

Land Art  Furlo 2016 TOTEM  VII edizione
Parco Museo Sant’Anna del Furlo

 

50 x 50 x 200 cm

Opera in tela, imbottita con juta e cucita con corde.
Ready made. Tecnica mista

 

LINGAM

“Lingam” nasce dalla richiesta a 80 artisti di interpretare un Obelisco per una mostra. Ho visto l’obelisco come un monumento votivo, il Totem della Fertilità. Il Grande Fallo della Terra. il Grande Fecondatore dello spazio e del cielo. Sulle quattro facciate della base, le grandi Vulve Generatrici. L’Obelisco-Lingam nel penetrare lo spazio genera forza centrifuga. Aria.

Le Fessure-vulve, invece, con forza centripeta, t’invitano ad essere penetrate. Dentro, nelle viscere, nel segreto della Creazione, al centro della Rivelazione. Fuoco.
Sui due lati contrapposti, l’organo genitale femminile si trasforma nel grande Seme che spaccandosi nella terra compie il suo rito della Fertilità. Terra.
La tela, di cui è ricoperta la struttura dell’obelisco, diviene pelle, avvolge e unisce il “ Fallo generatore” e La “Vulva generatrice”.
Per renderne indissolubile l’unione, la tela-pelle è legata con corde e nodi. E’ stracciata, cucita, legata, incisa. Informe, sporca, piena di detriti e corrugamenti.
E’ cucita e ricucita, come grandi cicatrici, simbolo della lotta, del dolore, per la divina “Coniunctio”.Anche negli “Archetipi in scatola”: “coppia mistica” “androgino” “siamese”,  l’unione del femminile e del maschile, dell’uomo e della donna, portano sempre le tracce e i segni di questa lotta. La sublime aspirazione ad una fusione,  spesso,  diventa  divorarsi reciprocamente( vedi in “Coppia”).
Sul basamento del Lingam, come sul glande, si saldano, come conchiglie su uno scoglio, mammelle di ogni forma e grandezza. Loro sono la Grande Madre. Donano il nutrimento al generato. Sono l’elemento umido, il liquido, il mare. Acqua. Dalle mammelle fuoriescono oggetti e conchiglie che, abbandonati dal mare su una spiaggia, sono stati prescelti e raccolti. Sono molti anni che lavoro sull’elemento della mammella nutrice. In molte opere, l’ho modellato nel gesso, inscrivendolo in moduli quadrati e ripetuti. Li ho aggregati, in modo di facilitare la trasmissione dinamica come un assoluto atto creativo.
In altre, la mammella-nutrice è realizzata in tela e composta con lo stesso principio delle opere di gesso. Queste mammelle sono gli ex voto che vedevo nella mia infanzia. Sovrapposti uno sull’altro, aderivano, come incrostazioni, alle mura di Roma. Qui, le donne pregavano la Madonna- Grande Madre, supplicavano una grazia per i loro figli, i Generati. Molte di queste forme-mammelle sono realizzate con opera di cucito, ricamo o uncinetto. (Magna Madre – Vierge)
In risalto è l’opera femminile (muliebre), la sua grazia e creatività. Dona all’opera, il valore di calore, di “Familia”, di amore e dedizione. Fuoco.
Per questa “affettuosità”  Lingam, imbottito di paglia e cotone, è morbido, si può abbracciare, è Femminile, mitiga  nella sua accoglienza il suo opposto Maschile.

 

Tags
archetipo, arte tessile, astrazione organica, cantastorie, culto della Madre Terra, fiber art, Grande Madre, Lingam, narrazione, organi sessuali ipertrofici, ready made, scultura tessile, storie, tecnica mista, texture
Opere in tela